domenica 23 novembre 2008

JOIN THE CLAN (unisciti al gruppo)

E cosi dopo una settimana di fuoco, mi godo il weekend.
Ho fatto cinque colloqui di lavoro e la sera quando mi infilo nel letto dormo il sonno dei giusti.
Di quelli che stano facendo quanto possono per darsi una mossa.
Affronto con nuova verve il problema relazioni sociali, e noto qualche risultato.
Infatti chi mi si ricorda di me come vulcanico socializzatore, amico di tutti sempre al centro dell'attenzione, potrebbe facilmente scioccarsi dinanzi alla mia apatia comunicativa di questi ultimi anni.
Sono in grado anche di trovare temporalmente il momento in cui sono cambiato, ma non i motivi.
Eppure la gente ha smesso di interessarmi.
Non mi sforzo di capire cosa pensino gli altri, se ci sono visioni comuni o se sono possibili amicizie.
Forse perchè io non penso più a niente, non ho nessuna visione e sono abbastanza deluso dalle amicizie.
In questo clima pesante e noioso (il mio intendo) però ho trovato qualcosa di utile.
Ho preso sto cazzo di feisbuc e ne ho creato qualcosa di produttivo.
E così mi sono messo in contatto con tutti gli ZASSO del mondo e abbiamo fondato un gruppo, il clan zasso.
Con l'obbiettivo di ritrovare un punto di partenza e una storia comune.
Quindi con grandissima sorpresa siamo risaliti alle origini del cognome, della sua collocazione geografica (documentabile) e delle sue vicessitudini.
Gli Zasso sono presenti nella provincia di belluno (veneto) dal 1300, o almeno da allora ci sono certificati di nascita.
Probabile però la sua origine austro-ungarica o tedesca.
Forse collegati in qualche modo al cognome ZIS o ZAS di chiara discendenza germanica.
Il cognome non è diffuso in italia, anzi è presente in sole due località, in provincia di belluno soprattutto presso il paesino di Agordo e a Napoli.
A napoli però ci siamo solo noi (tre fratelli Zasso, di cui uno è mio nonno).
Qualcuno del gruppo ha avanzato la possibilità che durante la disfatta di caporetto alcune famiglie venete siano scappate verso sud per evitare i massacri degli austriaci e quindi potrebbero essere finite in campania.
Mio nonno però arriva con la memoria fino a suo nonno che era napoletano, parliamo quindi dell'ottocento. Ben prima della prima guerra mondiale.
Alcuni Zasso sono ancora li a belluno e dintorni. Altri sono migrati all'inizio del novecento in argentina, brasile e chile. Qualcuno lo abbiamo trovato in francia e altri tra il canada e l'australia. (nessun gringo so far!).
Molti si sono appassionati a questa mia ricerca e ricevo messaggi molto simpatici dagli zasso piu strani. Ho addirittura chattato con una signora svizzera, il marito della quale è anch'egli un Zasso.
Adesso il dilemma è: a Belluno troverò ospitalità tra i miei "parenti"?

2 commenti:

Diego ha detto...

Hola Gabriele, soy Diego. Con paciencia y un diccionario he podido leer algo de tu blog y lo cierto es que es muy interesante. Felicidades. Seguiré atento a lo que escribas y déjame decirte que soy un gran admirador de tu país aunque a veces me cuesta entender cómo funciona allí el tema político.

Un abrazo-

gabrielezax ha detto...

El tema politico, ayyy funciona muy mal, y yo que admiraba tu pais...con todo los avances que hicieron en cosas sociales. A como lo dejaron en la calle a Aznar...
Cuidate, y seguimos leyendo nuestros blog.
Chau