mercoledì 4 novembre 2009

SLICE

Ho cambiato casa.
Stò però ancora mentalmente traslocando.
E non solo mentalmente.

Non ho ancora il gas in casa.
Questo significa niente fornelli. E passi.
Ma significa soprattutto niente riscaldamento.
Con l'autunno padano a regime. E passi.
Ma quello che è proprio scomodo è non avere l'acqua calda.
Una vera e propria doccia fredda. E non parlo in senso figurato.
E ci mancherebbe solo l'influenza.


Poi:

dormo sul divano, non ho un armadio e i vestiti sono sparsi tra scatole e bustoni.
Ho comprato solo una libreria, da ikea e non so dove metterla.
Non ho sedie, non riesco a cambiare le lampadine che in alcune stanze sono fulminate.
Manca un appendiabiti, ma la giacca tanto è sepolta sotto un mare di magliette e felpe.
Ah, per le prima volta da quando ho un bancomat, il mio conto è a ZERO.
L'armadio che volevo comprare in macchina non entra. Devo fittare un furgone.
La moto si è rotta come in ogni novembre italiano.
Lavoro come un matto (e inizia a piacermi!)

Se qualcuno di voi è in vena di altruismo qui c'è da smazzare, pulire, montare, girare per mercati e mercatini....insomma fatevi avanti.


Comunque alla fine:
TUTTO QUESTO MI FA SENTIRE VIVO COME NON SUCCEDEVA DA UNA VITA!

ciao

2 commenti:

gabrielezax ha detto...

E vogliamo parlare del Napoli?

ghirigori baumann ha detto...

hermano, è incredibile come le nostre strade continuino a essere parallele! dai un'occhiata al mio ultimo post.
viva le case nuove, fanculo ai problemi delle case nuove.
un abrazo

p.s. finalmente un nuovo post!